Email ufficiostampaalessandrosorte@gmail.com

APRI UN COMITATO

Aprire un comitato elettorale è facilissimo.

Compila il form qui di seguito con i tuoi dati e verrai ricontatto il prima possibile.

Un comitato, per essere tale deve essere formato da almeno 5 persone, compreso il fondatore: chiunque può aprire un comitato.

È possibile aprire più comitati in uno stesso comune.

SEGUIMI IN FACEBOOK

Alessandro Sorte
Alessandro Sorte2 weeks ago
HO UNA PROPOSTA, che presenterò attraverso degli emendamenti alla manovra.

In questi giorni si sta parlando tanto del deficit al 2,4% del Pil dovuto alla manovra del Governo. Personalmente non credo sia questo il male assoluto per l’Italia, c’è un tema ancora più rilevante: come spendere al meglio queste risorse per fare tornare a crescere il nostro Paese?
Il Governo ha deciso di aumentare il deficit al fine di spendere 9 miliardi di euro per il reddito di cittadinanza e 7 miliardi di euro per la quota 100 (modifica della Fornero) per un totale di 16 miliardi di euro.
Io al contrario ritengo che, prima di prendere provvedimenti di questo genere, sia d’obbligo far crescere il Pil del nostro Paese attraverso misure shock per la nostra economia.
Ecco, quindi, la mia proposta: UTILIZZO DEI 16 MILIARDI DI EURO PER L’ABOLIZIONE DELL’IRAP (che ammonta a 13 miliardi di euro nel settore privato) E PER L’INTRODUZIONE DEGLI SGRAVI FISCALI A FAVORE DELLE
IMPRESE CHE ASSUMONO A TEMPO INDETERMINATO (circa 3 miliardi di euro) CON IL VINCOLO, PER LE AZIENDE, DI INVESTIRE LE SOMME RISPARMIATE.
Ad un’impresa che riceve esenzioni in merito all’IRAP e agli sgravi fiscali verrebbe, insomma, posto il vincolo di utilizzare quei soldi in azioni nell’ambito del commercio e del lavoro (ad esempio per l’acquisto di nuovi macchinari, di immobili o nuove assunzioni). Questo consentirebbe di aumentare l’economia e i consumi della nostra Nazione con la conseguenza che, quando il Pil tornerà a crescere, ci saranno anche le risorse per ripensare alla riforma pensionistica (era nel nostro programma).
Inoltre, con l’introduzione degli sgravi fiscali per chi assume a tempo indeterminato, si configurerebbero dei vantaggi concreti anche per il lavoratore (si pensi, ad esempio, alla possibilità di accedere con più facilità alla stipulazione di un mutuo avendo un contratto stabile) ribaltando quel grande errore del decreto dignità.
C’è chi infatti, come Di Maio, agisce in negativo creando dei disincentivi per i contratti a tempo determinato e chi, come noi, vuole intervenire in positivo: creiamo degli incentivi affinché si assuma a tempo indeterminato senza bisogno di affossare lo strumento del tempo determinato che ha pur sempre una logica e una funzione in alcune situazioni.
Alessandro Sorte
Alessandro Sorte4 weeks ago
Alessandro Sorte
Alessandro Sorte4 weeks ago
Pace fiscale: Di Maio denuncia che al Colle è arrivato un testo manipolato. Hanno corretto i tempi verbali.
Alessandro Sorte
Alessandro Sorte1 month ago
Alessandro Sorte
Alessandro Sorte2 months ago